Spedizione gratuita in Italia sopra i 200€ Spedizione garantita in giornata per gli ordini entro le 14:00

Spedizione gratuita sopra i 200€ Spedizione in giornata entro le 14:00

Vitamina E (Tocoferolo) Benefici per il nostro organismo

La vitamina E è un nutriente essenziale che il nostro corpo utilizza per svariati scopi, tra cui la protezione dallo stress ossidativo e il sostegno al sistema immunitario. La sua assunzione avviene principalmente attraverso alcuni alimenti e integratori alimentari.

Sebbene spesso si pensi alla vitamina E come a un singolo composto, in realtà è un gruppo di otto composti solubili in grassi, dotati di potenti effetti antiossidanti. Tra questi, l’alfa-tocoferolo è quello che meglio soddisfa le esigenze alimentari umane.

La vitamina E si trova naturalmente in alcuni alimenti, tra cui semi, noci, alcune verdure e alcuni prodotti fortificati, ed è disponibile anche sotto forma di integratore alimentare.

Le sue molteplici funzioni nel nostro organismo la rendono particolarmente importante. È nota soprattutto per i suoi effetti antiossidanti, che proteggono le nostre cellule dai danni ossidativi neutralizzando le molecole dannose chiamate radicali liberi. Inoltre, è essenziale per il corretto funzionamento del sistema immunitario e della segnalazione cellulare.

Non sorprende, quindi, che diverse ricerche suggeriscano che l’assunzione di integratori di vitamina E possa apportare diversi benefici alla nostra salute.

In questo articolo esploreremo otto potenziali benefici della vitamina E per il nostro organismo.


Potrebbe ridurre i segni dello stress ossidativo e migliorare le difese antiossidanti


Lo stress ossidativo è una condizione che si verifica quando c’è uno squilibrio tra le difese antiossidanti del corpo e la produzione e l’accumulo di composti chiamati specie reattive dell’ossigeno (ROS). Questo può portare a danni cellulari e ad un aumento del rischio di malattie.

Poiché la vitamina E agisce come un potente antiossidante nel corpo, gli studi hanno dimostrato che l’assunzione di dosi elevate di essa può ridurre i segni dello stress ossidativo e potenziare le difese antiossidanti in alcune popolazioni.

Ad esempio, uno studio del 2018 su 54 persone affette da nefropatia diabetica, una lesione renale causata dall’alto livello di zucchero nel sangue, ha riscontrato che l’assunzione di 800 UI di vitamina E al giorno per 12 settimane ha aumentato significativamente i livelli di glutatione perossidasi rispetto a un placebo.

Il GPx è un gruppo di enzimi antiossidanti che proteggono le tue cellule dai danni ossidativi.

Uno studio del 2021 ha anche dimostrato che l’assunzione quotidiana di una combinazione di vitamina E e vitamina C per 8 settimane ha ridotto i segni dello stress ossidativo, come il malondialdeide e i ROS, nelle donne con endometriosi.

Potrebbe ridurre i fattori di rischio per le malattie cardiache


Avere una pressione sanguigna elevata e alti livelli di lipidi nel sangue, come il colesterolo LDL (cattivo) e i trigliceridi, può aumentare il rischio di sviluppare malattie cardiache.

In modo promettente, la ricerca suggerisce che gli integratori di vitamina E possano contribuire a ridurre i fattori di rischio per le malattie cardiache, come questi, in alcune persone.

Una revisione del 2019 di 18 studi ha scoperto che, rispetto ai trattamenti con placebo, gli integratori di vitamina E riducevano significativamente la pressione sistolica, ma non quella diastolica – rispettivamente i numeri più alti e più bassi delle letture della pressione sanguigna.

Alcuni studi mostrano anche che l’assunzione di vitamina E insieme agli integratori di omega-3 può ridurre i livelli di LDL e trigliceridi nelle persone affette da sindrome metabolica – un insieme di condizioni, tra cui alti livelli di grassi nel sangue, che aumenta il rischio di malattie cardiache e altre condizioni di salute.

Potrebbe essere vantaggiosa per chi soffre di epatopatia da grasso non alcolica (NAFLD)


La NAFLD comprende una serie di condizioni che causano un accumulo di grasso nel fegato in individui che bevono poco o niente alcol.

Secondo le conclusioni della ricerca, gli integratori di vitamina E potrebbero migliorare alcuni aspetti della salute nelle persone affette da NAFLD.

Una revisione del 2021 di otto studi ha rilevato che l’assunzione di vitamina E ha ridotto i livelli degli enzimi epatici alanina aminotransferasi (ALT) e aspartato aminotransferasi (AST), abbassato i livelli di lipidi nel sangue e migliorato la salute del fegato nelle persone affette da NAFLD.

Livelli elevati di AST e ALT possono indicare infiammazione e danni al fegato nelle persone con NAFLD, quindi livelli inferiori sono auspicabili.


Potrebbe contribuire a gestire la dismenorrea


La dismenorrea è una condizione caratterizzata da dolori mestruali gravi e frequenti, come crampi e dolore pelvico.

In modo promettente, la ricerca suggerisce che gli integratori di vitamina E possano ridurre il dolore nelle donne affette da questa condizione.

In uno studio del 2018 condotto su 100 donne con dismenorrea, l’assunzione di 200 UI di vitamina E al giorno ha alleviato il dolore mestruale più del placebo. Gli effetti sono stati ancora migliori quando la vitamina è stata combinata con un integratore di omega-3 contenente 180 mg di EPA e 120 mg di DHA.

Inoltre, uno studio del 2021 ha mostrato che l’assunzione quotidiana di una combinazione di vitamina E e vitamina C per 8 settimane ha contribuito a ridurre la gravità del dolore pelvico e della dismenorrea nelle donne affette da endometriosi.


Altri potenziali benefici per la salute

Gli integratori di vitamina E sono stati collegati anche ad altri benefici per la salute:

Potrebbero portare benefici per la salute della pelle

Gli integratori di vitamina E potrebbero essere utili per coloro che soffrono di determinati disturbi cutanei, come l’eczema. Tuttavia, al momento la ricerca è limitata e sono necessari ulteriori studi per approfondire questo potenziale beneficio.

Portano Benefici per la salute Cognitiva

Mantenere livelli ottimali di vitamina E e assumere integratori potrebbe contribuire a proteggere dal declino cognitivo. Tuttavia, non è ancora chiaro se gli integratori siano vantaggiosi per le persone con condizioni cognitive come l’Alzheimer.

Porta Benefici agli adulti più anziani

Poiché la vitamina E svolge importanti ruoli nella salute, come la riduzione dell’infiammazione e il miglioramento della funzione immunitaria, gli integratori potrebbero essere utili per le persone che ne hanno maggiore necessità o che non ne assumono a sufficienza nella loro dieta, come alcuni adulti più anziani.

Aiutano a migliorare la funzione polmonare

Gli studi hanno dimostrato che gli integratori di vitamina E potrebbero migliorare la funzione polmonare e alcuni sintomi dell’asma nei bambini e negli adulti.

Carenza di vitamina E

Sebbene la carenza di vitamina E sia generalmente rara, è più comune in alcune popolazioni.

Ad esempio, le persone con condizioni mediche associate a problemi di assorbimento dei grassi, come la fibrosi cistica e la malattia di Crohn, presentano un rischio aumentato.

Inoltre, coloro che soffrono di rare malattie ereditarie, come l’abetalipoproteinemia, sono più inclini a sviluppare una carenza (1Fonte affidabile).

Le persone con un apporto alimentare insufficiente, come i bambini nei paesi in via di sviluppo e coloro che soffrono di anoressia nervosa, possono sviluppare una carenza di vitamina E a causa della malnutrizione.

Cibi che contengono Vitamina E

Anche se talvolta gli integratori alimentari sono necessari, è quasi sempre preferibile soddisfare i bisogni nutrizionali attraverso il cibo, quando possibile.

Se desiderate aumentare il consumo di alimenti ricchi di vitamina E, ecco alcune buone opzioni:


Mandorle tostate al naturale: Un’oncia (28 grammi) di mandorle contiene il 45% del DV di vitamina E.
Spinaci lessati: Mezza tazza (112 grammi) di spinaci lessati fornisce il 13% del DV di vitamina E.
Broccoli lessati: Mezza tazza (46 grammi) di broccoli lessati contiene l’8% del DV di vitamina E.
Kiwi: Un kiwi di dimensioni medie (69 grammi) apporta il 7% del DV di vitamina E.
Mango: Mezza tazza (82 grammi) di mango offre il 5% del DV di vitamina E.
Tenete presente che il modo migliore per garantire un adeguato apporto di vitamina E nella vostra dieta è consumare quotidianamente una varietà di alimenti nutrienti, tra cui verdure, frutta, frutta secca e semi.

Di consigli su regimi alimentari sani e il rapporto tra cibo sano e integrazione ne parlo nel mio libro “La Bibbia della Salute”.

Condividi l'articolo

Scopri "La Bibbia della Salute"

Di cosa parla il nuovo libro di Lorenzo Zarone?

  • Quali sono i falsi miti della nutrizione
  • Le basi della dieta del benessere
  • I motivi per cui il cibo non è sufficiente ed è necessario integrare
  • Perché è importante il movimento
  • L’importanza di una buona detossificazione
  • L’importanza del riposo notturno

A queste e ad altre domande troverai risposte esaustive all’interno del libro, e sconti esclusivi da utilizzare per l’acquisto dei prodotti dello shop.

Altri articoli

Seguici su

Iscriviti alla newsletter

Inserisci e INVIA la tua email per ricevere un REGALO DI BENVENUTO, i REPORT GRATUITI e rimanere aggiornato sulle promozioni del Paleocomplex. Non riceverai spam ma informazioni utili su benessere e salute. I tuoi dati sono al sicuro e sono trattati in piena conformità alla Legge sulla Privacy n.196/2003.